Il “Punto di non ritorno” visto con Leonardo DiCaprio

fontefoto: sito ufficiale Di Caprio

”Sono pessimista rispetto alla situazione, tutto quello che ho visto mi ha terrorizzato. C’è solo un motivo di speranza, serve un cambiamento radicale immediato, una inversione di tendenza. Tocca a ciascuno di noi, cambiando stile di vita e con i propri comportamenti, dettare nuove leggi al mercato. Consuma meno, mangia differente, scegli l’energia rinnovabile, vota meglio” queste le parole di Leonardo DiCaprio alla presentazione di “Before the Flood”, tradotto in italiano “Punto di non ritorno”.

La pellicola è stata presentata al Toronto International Film Festival il 9 settembre 2016 e viene trasmessa in Italia dal canale televisivo National Geographic Channel dal 30 ottobre 2016. “È un’ossessione, il mio interesse per l’ambiente. Mi consuma. Non passa un giorno senza che ci pensi. È come un fuoco lento. Non sono come gli alieni che domani vengono e ci invadono e noi dobbiamo difendere il nostro Paese. È qualcosa di inevitabile, sono terrorizzato” questo è quanto ha rilasciato l’attore americano alla rivista Rolling Stone.

Un’ossessione che per tre anni l’ha portato a girare gli angoli della terra per sensibilizzare il pubblico sull’impatto devastante che il cambiamento climatico sta avendo sul nostro pianeta. Nel documentario è possibile assistere ai vari confronti che l’attore ha avuto non solo con scienziati ma anche con personaggi illustri quali il presidente Barack Obama e Papa Francesco. Il documentario è un invito agli spettatori ad informarsi e a cambiare.

Esempio n’è la Cina. La popolazione cinese è una delle poche popolazioni a livello mondiale che protesta pubblicamente per l’inquinamento sul proprio suolo, arrivando anche ad inventare un’applicazione che informa i cittadini via telefono su quali fabbriche eccedono i limiti di inquinamento inducendo così la popolazione a contestare in zone specifiche. “Se dai i dati alla gente, dai le armi per combattere” ha sentenziato il portavoce cinese a DiCaprio.

Un altro aspetto che emerge guardando il documentario è che in Italia manca una figura come quella di DiCaprio o dello stesso portavoce cinese. Una figura che responsabilizzi l’opinione pubblica sui pericoli futuri che ci minacciano. Dal Mezzogiorno a Venezia anche l’Italia sta andando incontro a calamità naturali. Senza una dovuta responsabilizzazione da parte del genere umano e senza la dovuta prevenzione non avremo soluzione alcuna.

Potrebbe interessarti:

About Joseph Scribendi 19 Articoli
Sognatore. Profilo pubblico in fase di aggiornamento.
Contact: Facebook
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.