National Coming Out Day: che cos’è

Che cos’è il National Coming Out Day? Chi mastica l’inglese potrebbe aver già intuito cosa possa essere questa giornata nazionale, proclamata oggi, 11 ottobre, negli Stati Uniti d’America.

Si tratta della ricorrenza internazionale nella quale la comunità LGBT celebra l’importanza del coming out. Per chi non sapesse cosa sia: è letteralmente una “uscita allo scoperto”, un’esplicita dichiarazione pubblica del proprio orientamento sessuale. Avallato da diverse associazioni e movimenti LGBT, è considerato alla base di ogni ideologia omosessuale. Si è dunque pensato, nel 1987, di istituire questa ricorrenza di carattere nazionale.

La prima volta è stata l’11 ottobre 1988: furono Robert Eichberg, psicologo del New Mexico, e Jean O’Leary, politico ed attivista LGBT di Los Angeles, a celebrarla durante il workshop “The Experience and National Gay Rights Advocates”. La prima celebrazione si è tenuta nella sede della National Gay Rights Advocates a West Hollywood, California. Per l’occasione, si riunirono 18 degli stati statunitensi e i principali media nazionali.

Adesso l’iniziativa è ormai una consuetudine negli USA, sperando che non venga svuotata del proprio contenuto. Come si fa a celebrare? Viene chiesto ai partecipanti di indossare i simboli dell’orgoglio LGBT: la bandiera arcobaleno, il triangolo rosa (per i gay), quello nero (per le lesbiche), la bandiera dell’orgoglio bisessuale e altri.

About Marco Stile 119 Articoli
Nato a Nocera Inferiore il 10 febbraio 1994, studia Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Da sempre grande appassionato di calcio, si interessa anche al basket e al tennis.
Contact: Facebook
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.