Parigi: all’asta la pistola con cui Verlaine sparò a Rimbaud

Parigi. La pistola più famosa della letteratura francese è stata messa all’asta. Stiamo parlando di quella con cui il poeta Paul Verlaine tentò di uccidere il suo ‘collega’ e amante, Arhur Rimbaud. L’arma sarà messo all’incanto a Parigi da Christie’s il 30 novembre. Attualmente l’oggetto è stimato 60mila euro. 

La pistola fu comprato da Verlaine a Bruxelles la mattina del 10 luglio 1873, dopo avere deciso di porre fine alla storia di due anni col giovanissimo amico, per cui aveva abbandonato la moglie e un figlio. Verlaine aveva deciso di tornare dalla sua famiglia ad ogni costo ed era, addirittura, intenzionato al suicidio se lei avesse rifiutato di perdonarlo e accoglierlo nuovamente. In una camera d’albero di Bruxelles, alle due di pomeriggio, avvenne il drammatico epilogo. Verlaine, ubriaco e fuori di sè, esplose due colpi di revolver contro Rimbaud ,che lo aveva raggiunto in hotel da poco. Un proiettile lo colpì a un polso, mentre l’altro centrò il muro e rimbalzò nel camino. Verlaine fu arrestato dalle forze dell’ordine e condannato a due anni di prigione per il reato di sodomia. In carcere, il poeta, si convertì al cattolicesimo e quindi scrisse 32 poemi d’ispirazione mistica. L’amante Rimbaud intanto terminava “Una stagione all’inferno”.

Potrebbe interessarti:

About Mario Martino 173 Articoli
Nato a Maddaloni il 16/05/1995. Vive a Beltiglio di Ceppaloni, un piccolo paesino della provincia di Benevento. Studia Lettere moderne presso l'Università degli Studi di Salerno. Scrive anche per Benevento ZON, AlBarSport.com e Derivati Sanniti.
Contact: Facebook
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.