Referendum 4 dicembre 2016, D’Alema: “Intimidazioni dal fronte del Sì”

Toni accesi sul referendum del 4 dicembre 2016 con lo scontro verbale tra gli schieramenti del no e del si. Nel pomeriggio Massimo D’Alema ha attaccato duramente Matteo Renzi e il suo schieramento sottolineando il clima intimidatorio messo in atto in questa campagna elettorale “Siamo davanti a uno schieramento politico talmente minaccioso che ha avviato questa campagna elettorale minacciando la rovina del paese nel caso non vincesse il si. Sembra che chi è per il no si debba sentire colpevole di spingere il Paese verso il baratro“.

D’Alema ha poi aggiunto “Per quanto mi riguarda penso soltanto a difendere i valori fondamentali del partito al quale sono iscritto, ancorché chi lo dirige li ha dimenticati“. L’ex presidente del Consiglio ha poi sottolineato “Cacciamo i politici è lo slogan usato dal capo dei politici, tutto questo è davvero inquietante e fa sorridere. Il populismo dall’alto è molto più pericoloso del populismo del cittadino comuneLa vittoria del No non porterebbe alla catastrofe – ha sottolineato D’Alema – e avrebbe come effetto la necessaria revisione della legge elettorale”.

Potrebbe interessarti 

About Alessio Martella 52 Articoli
Da anni lavora nel mondo del web. Ha lavorato per alcuni giornali e web tv oltre ad aver partecipato a progetti nazionali in ambito informatico e telematico. Project manager di Social-News.it, Albarsport.com e Notiziare.it.Email: martellicus.1988@gmail.com
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.