Referendum Costituzionale, Renzi: “Non è sul mio futuro, ma su quello delle istituzioni”

Mancano due mesi al referendum per la riforma costituzionale. Il prossimo 4 dicembre 2016 gli italiani saranno chiamati alle urne per scegliere se cambiare o no la Costituzione italiana.

Sul referendum è intervenuto ancora una volta il premier Matteo Renzi che, a Radio Capital, ha voluto sottolineare l’importanza di votare sì “Il prossimo 4 dicembre gli italiani saranno chiamati a scegliere di cambiare. Qui non si parla del mio futuro ma del futuro delle istituzioni per i prossimi decenni“.

Renzi ha poi aggiunto “Ammetto di aver impostato male la discussione e penso sia giusto dirlo, ora ho grande stima nei cittadini italiani. Si immagina un senatore che nel momento in cui vince il no a quel punto decide di contenere il costo delle istituzioni. Da adesso ci sono 60 giorni per far capire agli italiani perchè votare sì, l’obiettivo di fare il referendum su di me ce l’hanno altri“.

Intanto il presidente del consiglio viene duramente attaccato dal Financial Times che definisce “un ponte verso il nulla” citando il progetto del ponte sullo stretto di Messina come metafora del momento che sta attraversando Matteo Renzi.

Potrebbe interessarti

About Alessio Martella 53 Articoli
Da anni lavora nel mondo del web. Ha lavorato per alcuni giornali e web tv Project manager di Notiziare.it. Email: martellicus.1988@gmail.com
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.