Star Trek Beyond: la Recensione

“Spazio, ultima frontiera. Questi sono i viaggi della nave stellare Enterprise. La sua missione è quella di esplorare nuovi strani mondi alla ricerca di nuove forme di vita e nuove civiltà e spingersi là dove nessuno è mai giunto prima.”

Questa volta ci siamo, il capitano Kirk e compagni sono riusciti a spingersi davvero nello spazio ignoto; ma torniamo indietro di qualche anno: J.J Abrams, pupillo di Spielberg e geniale visionario, abbandona la regia della saga stellare per approdare alla saga rivale (Star Wars: The Force Awakens). Per i fan di Spock si avvista una leggera crisi all’orizzonte, J.J aveva riesumato la nave stellare dalla naftalina e aveva dato un’impronta dark alla saga come mai prima d’ora. Ma anche al buon Abrams era stata mossa una critica importante : i protagonisti non esplorano ma restano ancorati alla terra (nei due film da lui diretti vediamo Londra e Los Angeles super futuristiche). Il senso di ciò che Star Trek rappresenta si era un po’ perso.

Arriviamo al 21 luglio 2016, Beyond esce nelle sale diretto da Justin Lin (nome che aveva fatto storcere il naso poiché regista legato alla longeva saga di Fast and Furious). L’atmosfera dark si è ridotta di molto, il clima è più ironico e umoristico ma i protagonisti esplorano e scoprono nuove razze. Finalmente. Stewart e Nimoy sarebbero fieri! La trama all’inizio sembra banale ma sa stupire nel finale con un buon colpo di scena, la CGI non disturba e le nuove razze sono ben create e costruite. Per quanto riguarda i personaggi, in una saga è sempre difficile stupire il pubblico in merito alla caratterizzazione e alle dinamiche; in questo star Trek ciò avviene per metà. Alcuni personaggi hanno una buona e notevole evoluzione (il vulcaniano Spock su tutti), altri meno (ad esempio il buon Kirk che dopo anni è ancora ossessionato dagli stessi dubbi del primo film, come se tutti gli eventi accaduti e le difficoltà superate non gli abbiano dato fiducia in sé stesso). Ottimo il cattivo di Idris Elba, attore completo e forse anche sottovalutato, che ha saputo raccogliere il testimone di villain lasciato da Cumberbatch (anche se Benedict aveva un carisma senza eguali). Idris ci mette il suo e consegna al suo personaggio un cattivo shakespeariano che combatte non per superbia ma per dolore, deludente la caratterizzazione di Sofia Boutella (più per colpa della sceneggiatura che sua), la giovane attrice riesce ad essere credibile nel ruolo di un’aliena pallida e combattente (sembra quasi il ruolo di Rey in star wars). Fotografia, scenografia e costumi sono impeccabili… Ma adesso arriviamo alle due note più dolenti in assoluto: Ritmo e Colonna sonora. In merito al primo punto, il ritmo è alto ma non c’è distacco tra scene d’azione e le altre, con JJ il distacco era forte cosicché potessimo essere più coinvolti e aumentare l’empatia coi personaggi, qui il ritmo pur essendo alto sembra essere statico e piatto. In merito al secondo, sono rimasto molto deluso… Abrams aveva usato la colonna in maniera magistrale ed epica, al sentire il crescere dei fiati e violini sapevamo che qualcosa di fantastico stava per accadere e ci sentivamo inebriati e pompati. Lin, memore della sua esperienza tamarra, preferisce pezzi metallari/rockettari che rendono le scene migliori del film quasi trash, tanto che pensiamo quasi che a comandare la nave ci sia Vin Diesel.

In conclusione, il film è passabile e anche godibile, ma se siete fan delle atmosfere dark, di colonne sonore scoppiettanti come solo Miller in Mad Max ci ha regalato, e di colpi di scena dati da sceneggiature impeccabili risparmiate i soldi e sotto con lo streaming

About Elena Morrone 31 Articoli

Nata nel 1995, ha frequentato il liceo classico T. Tasso dove ha diretto il giornalino scolastico Kaos. Ora studia alla facoltà di Scienze Politiche all’Università di Salerno. Appassionata di cinema che però non vedrebbe una commedia rosa manco a pagarla oro. Ha una bassa considerazione del cinema italiano da Fellini in poi e pensa che tutte le navi di Crociera sul Nilo e Vacanze ai Caraibi dovrebbero affondare all’istante – odia i cinepanettoni insomma. Guarda serie tv all day long e ogni tanto dorme pure.

Contact: Facebook
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.