Terremoto Centro Italia, Sindaco Amatrice: “Paura e crolli, ma nessun morto”

“Paura, crolli e fortunatamente nessun morto”, questo il bilancio stilato dal Sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi, intervenuto ai microfoni di Sky Tg24 all’indomani del nuovo terremoto che ha colpito il Centro Italia.

Queste le parole del primo cittadino del piccolo comune laziale, raso al suolo lo scorso 23 agosto e spaventato ulteriormente dalle tre forti scosse verificatesi ieri sera: “La cosa più brutta è che proprio adesso, a distanza di due mesi, stavamo cominciando a tornare alla normalità (o quasi), provando a dimenticare in parte quanto successo quel tragico 23 agosto. Queste nuove scosse, questo nuovo terremoto, fanno male soprattutto dal punto di vista psicologico, ma paradossalmente ci sono anche degli aspetti positivi, perchè è vero che ci sono stati dei crolli, ma non ci sono state vittime e questo è fondamentale. Le case e gli edifici si ricostruiscono, le vite dellle persone no“.

Il Sindaco di Amatrice ha poi fatto il punto sugli sfollati e su coloro che rimarranno in tenda anche la prossima notte: “Gran parte delle case a tempo sono già state costruite e molti ne usufruiranno già stanotte, mentre ovviamente c’è gente che ha ancora paura e a cui non può essere negato il diritto di dormire in tenda, dove credono di essere più tranquilli dopo le recenti scosse. Speriamo che la situazione si stabilizzi quanto prima, la gente colpita e i vari paesi devono ripartire, questo è un popolo che ha una grande forza di volontà”.

Potrebbero interessarti:

Terremoto Centro Italia, nessuna vittima accertata

Terremoto Centro Italia, gravi problemi sulla Salaria

About Pietro De Conciliis 143 Articoli
Nato ad Avellino nel 1996, frequenta la Facoltà di Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno e collabora da circa due anni con diversi siti sportivi. Il calcio e l'Avellino sono da sempre le sue più grandi passioni, a tal punto da seguire i Lupi in casa e in trasferta.
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.