The Accountant, Ben Affleck nel ruolo di un “supereroe” autistico

Da Batman a Daredevil, da The Town ad Argo, Ben Affleck si è sempre dimostrato essere un personaggio versatile, sia come regista che come attore ma questa volta, in The Accountant, il suo ruolo è quello di un ‘diversamente supereroe’.

Il film, firmato da Gavin O Connor ed uscito ieri nelle sale, con toni ruvidi e una sceneggiatura ambiziosa, racconta la storia di Chris Wolff, un uomo autistico e dalle capacità sorprendenti in matematica che si interessa della contabilità di alcuni criminali.

Il punto di svolta sarà l’assunzione da parte della Living Robotics: Chris viene seguito dal dipartimento di Stato, trovandosi invischiato in qualcosa più grande di lui. Ben Affleck, per accostarsi meglio all’autismo e rendere il suo personaggio ancora più realistico, ha passato del tempo con medici e psicoanalisti ma ciò sembra essere vanificato dal lavoro di Bill Dubuque, nel tentativo di far primeggiare la sceneggiatura sul resto. Il risultato appare però confuso, nel tentativo di accostarsi ad un criminal movie di livello medio.

Potrebbe interessarti 

About Elena Morrone 31 Articoli
Nata nel 1995, ha frequentato il liceo classico T. Tasso dove ha diretto il giornalino scolastico Kaos. Ora studia alla facoltà di Scienze Politiche all'Università di Salerno. Appassionata di cinema che però non vedrebbe una commedia rosa manco a pagarla oro. Ha una bassa considerazione del cinema italiano da Fellini in poi e pensa che tutte le navi di Crociera sul Nilo e Vacanze ai Caraibi dovrebbero affondare all'istante - odia i cinepanettoni insomma. Guarda serie tv all day long e ogni tanto dorme pure.
Contact: Facebook
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.